fbpx

Quando l’età è una scusa

Tempo di lettura: 3 minuti

Ieri sera stavo chattando con una conoscente, che qui chiamerò Marta e che non sentivo da diverso tempo. Aveva bisogno di un confronto su come affrontare una situazione lavorativa. Durante la conversazione mi scrive questa frase: “Sai Fede, io ho 45 anni ed inizio ad avere una certa età. Non sono più una ragazzina.. e continua: spero che le cose cambino presto“.

La mia prima reazione a questa considerazione è stata furiosa.

Ho pensato: e quindi? siccome hai 45 anni hai un piede nella fossa? Mi stai dicendo che dal momento che non hai più 20 anni (essere una ragazzina) sei troppo vecchia per cambiare le cose? Davvero sta usando l’età come scusa per non fare?

Sai perché molte persone la pensano come Marta? Perché associano l’età all’essere vecchio e si convincono che a 45 anni (a volte anche prima) non si è più giovani per fare certe cose e che se non hanno realizzato niente fino a quel momento, allora non c’è più nulla da fare.

Beh, ho una notizia per te. L’età è importante quando tu scegli di darle importanza, quando sei tu a decidere che a quell’età sei vecchio e quando sei tu a decidere che certe cose non puoi più farle.

Secondo te la pensava così Madonna Buder (che vedi nelle foto qui sopra, chiamata scherzosamente Iron Nun) che alla veneranda età di 48 anni, nei panni di suora, ha deciso di correre il suo primo Iron Man e oggi ha tagliato il traguardo più di 40 volte? O la pensa così Johanna Quass che oggi, all’età di 87 anni volteggia sulle parallele nelle competizioni amatoriali? O Tao Lynch che a 101 anni pratica lo yoga?

Ci sono decine di altri esempi che potrei portarti a supporto e tutti mi dicono una cosa: siamo noi a scegliere.

Ma scegliere non basta.La scelta è un’idea che rimane nella nostra testa. Abbiamo bisogno che si trasformi in qualcosa di più, in una decisione perché solo la decisione ci porterà ad un’azione concreta.

Secondo te continuando a non prendere in mano la propria vita e a non compiere azioni concrete, per Marta le cose miglioreranno da sole? So che conosci già la risposta: no.

Ora ti dirò cosa le ho risposto.

Le ho risposto che 45 è un numero, così come 25 e 35. La differenza è il significato che lei vuole attribuirgli. Solo ed esclusivamente lei può decidere che persona vuole essere e questo potrà farlo iniziando a decidere per la sua vita.

E dico lo stesso a te: non lasciare che siano gli altri a decidere per te, perché il risultato sarà che sarai schiavo dei desideri degli altri invece di essere padrone dei tuoi. Decidi tu per te stesso!

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x